Tag Archives: romanzo

Corella: Recensione di Valentina Bettio su Diario di pensieri persi

By Valentina Bettio · On 5 febbraio 2014

Abbiamo già conosciuto Federica Soprani grazie alla serie Victorian Solstice, scritta a quattro mani con Vittoria Corella (recensione qui). Continuiamo a scoprire questa autrice piena di sorprese con Corella. L’ombra dei Borgia, un romanzo storico da leggere tutto d’un fiato.

Federica Soprani avvolge sapientemente il lettore nelle atmosfere dell’Italia rinascimentale, ricostruite con abilità e rappresentate nelle pagine di questo romanzo. A colpire il lettore una prosa armoniosa e la puntigliosa attenzione ai dettagli. Inoltre la storia del nostro Paese, in un periodo storico denso di intrighi politici, mezze verità e segreti abilmente occultati diventa un canovaccio interessante e coinvolgente.

Questo ricco substrato sociale e politico è lo sfondo delle vicende narrate dalla Soprani, che ha saputo sfruttarne al meglio il fascino regalando forma e concretezza a personaggi scomparsi da tempo, ma ancora vivi tra le pagine di Corella. L’ombra dei Borgia.

La ricostruzione storica ben si affianca alle vicende personali, con un buon equilibrio tra eventi storici, sentimenti e caratterizzazione dei personaggi che popolano il romanzo di Federica Soprani. Una lettura dalle molteplici personalità, che affianca il piacere di uno stile equilibrato alla durezza e alla desolazione evocate dagli eventi narrati.

Non si può che solidarizzare con Corella e la sua vita mai vissuta pienamente, ma sempre dedicata alla causa che ha sposato. Così come non si può evitare di essere travolti dalla forza trascinante degli eventi stessi, di cui tutti alla fine sembrano essere vittime indifese, anche i personaggi più forti e carismatici. Forse le rinunce imposte dagli ideali a volte sono davvero troppo gravose. Ma quando lo si capisce è troppo tardi e ci si ritrova con un pugno di mosche in mano, nonostante gli sforzi e i propositi più o meno giusti, nobili o grandiosi.

L’uomo è il prodotto dei suoi errori, anche se commessi in nome di qualcosa di più grande. Quando questi errori diventano così pesanti da alterare inesorabilmente l’equilibrio tra bene e male nella bilancia della nostra anima, cosa resta nel nostro cuore guardandoci alle spalle?

Published: 5 Febbraio 2014

da La Rinascita di Hermes

La mano del Cacciatore si mosse meccanicamente verso un lenzuolo che cadeva, pesante di polvere, a celare una statua, e con un gesto lento lo tirò, facendolo scivolare a terra. Trattenne il fiato, mentre la figura gli si rivelava, come un miraggio a lungo vagheggiato, e che ora si faceva pietra davanti ai suoi occhi.
Non si stupì di aver trovato subito, tra tante statue, quella che stava cercando, come avrebbe potuto essere altrimenti? Era una scultura, a grandezza naturale, del dio Hermes, modellata nel marmo con una precisione e un realismo che sfidavano la natura stessa, irridendo i limiti della rappresentazione e dell’arte degli uomini. Quella statua non apparteneva ad un genere o un periodo definibile, trascendeva ogni catalogazione e affiliazione a canoni e definizioni di sorta.
Era la raffigurazione di una divinità fattasi carne e subito mutata in pietra, dalla mano di un artista, o di un mago, o ancora per sua stessa volontà, per beffare gli uomini con la propria superiore bellezza.
La figura esprimeva una grazia e un’armonia che nulla avevano a che fare con l’astratta perfezione neoclassica. Quel corpo di marmo non aveva mai rinunciato a vivere, e a stento l’immobilità della pietra tratteneva l’irrequietezza delle gambe snelle, dei piedi che calzavano i talari, colti sul punto di staccarsi da terra.
La stessa posizione, il modo in cui un braccio abbandonato seguiva languidamente la piega del fianco, mentre l’altro reggeva quasi con indolenza il caducèo, lasciava presagire che quel messaggero divino fosse impaziente di librarsi al più presto lontano dalla sua prigione di pietra e buio.
Il capo era leggermente reclinato all’indietro, il volto scoperto, esposto, e rinnovava quell’impressione di abbandono e languore, da un lato, e insofferenza dall’altro, che sembrava percorrere quella figura come un motivo ricorrente.
Una contraddizione squisita che nemmeno la pietra riusciva a rendere immobile, un essere sospeso tra l’urgenza della carne e il traguardo del cielo, diviso, dolorosamente forse, tra la propria natura corporea e il desiderio di un’elevazione spirituale che trascendesse ogni desiderio e sofferenza del corpo. Il viso rivolto al soffitto buio era quello di un angelo incarnatosi controvoglia, la nobiltà e la purezza dei lineamenti turbata dalla sensualità della bocca troppo grande, dalla curva irriverente delle sopracciglia che tracciavano una piega ironica tra gli occhi ciechi e l’alta fronte.

da La Rinascita di Hermes

Published: 8 Novembre 2013

da La rinascita di Hermes

Il corpo della donna era luce, una luce pura, vibrante, che emergeva dalle lenzuola nere come un riverbero di luna tra le nubi. Il giovane Rinato non osava emettere suono, mentre la osservava muoversi sinuosa, sciogliersi dall’abbraccio delle coltri, sollevarsi come un’onda di bianca spuma. Quando si alzò in piedi, staccandosi dal letto, il bagliore argenteo che pioveva dall’alta finestra investì la sua superba nudità, stagliandola dolorosamente nel buio della stanza. Poi, le ombre le furono attorno, docili, sottomesse, adoranti. Strisciarono lungo il pavimento di marmo e lambirono i suoi piedi nudi, risalirono lungo le gambe tornite in morbidi arabeschi, titillarono le punte delle sue dita tese, avviluppando in infiniti intrecci le mani, le braccia. Dalla massa tenebrosa dei capelli sciolti altre ne scaturirono, cingendole il collo e le spalle con una carezza d’amante, e quando sollevò le palpebre, nei suoi occhi tutta l’ombra parve annullarsi, per poi rifluire, più fitta, dal suo sguardo vellutato.

 

Da La rinascita di Hermes

 

Published: 8 Novembre 2013