Il ritorno dell’Oca….

I  frequentatori abituali della Locanda dell’oca zoppa potranno forse aver  trovato bizzarra questa inversione di tendenza voluta dall’oste, il  famigerato Guglielmo L’Oca. Come non capirli? Non più cinghiali sfrigolanti infilzati negli spiedi, rapsodie di polletti e quaglie in una profusione di grasso succulento, intingoli, pasticci, timballi, e
altre prelibatezze destinate soprattutto a una clientela di carnivori…

Non so definire il tipo di alimentazione che seguo.
Vegetariana forse è la definizione più vicina.
Ma a volte mangio il pesce. E le uova.
Tanto meno Vegan, quindi…

Alla fine della fiera poco mi importa. Cerco di mangiare bene, avendo cura della mia salute, ma senza rinunciare ai piaceri della tavola. La vita è già così triste!

Con questa filosofia anche l’Oca zoppa ha cambiato menù.
Confido che gli abituali frequentatori resteranno abituali. In fondo mangiare qui era solo un pretesto per incontrarsi a raccontarsi le proprie avventure. Se poi il cibo rimane gradevole…ancora meglio.
Per i puristi del genere chiedo pazienza e solidarietà. In questo blog, oltre alle mie ricette originali, mi prenderò la licenza di raccogliere tutte quelle ricette trovate in rete e sperimentate (ovviamente indicando ogni volta la fonte originale). Che non si dica in giro che Guglielmo L’Oca non è onesto..

onori e ossequi (e buon appetito)

Cauchemar

Print Friendly, PDF & Email
Share
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: