Scacce

fonte Cookaround

hd750x421

  • Dosi per 4 persone
  • Difficoltà bassa
  • Costo basso
  • Reperibilità Alimenti facile

Presentazione

Le scacce: non potete immaginare la soddisfazione nell’addentare un pezzo di questo rustico siciliano, le melanzane dentro, la pasta saporita… Ma sì che potete immaginare: provate!!!

Ingredienti per la pasta

Farina di grano duro o semola 500 gr
Acqua 300 gr
Sale 8 gr
Olio extravergine d’oliva (EVO) ½ bicchieri
Limone 1
Vino bianco ½ bicchieri

Per il condimento

Melanzane 1
Salsa di pomodoro pronta 250 gr
Provola 250 gr

Attrezzature

Forno / Teglia

Preparazione

Versate la farina a fontana sulla spianatoia, aggiungete l’acqua quanto basta, il succo di mezzo limone ed il vino.

Lavorate la pasta fino a quando otterrete un impasto liscio e morbido.
Scacce

Allargate e bucherellate la pasta con le dita, quindi versatevi sopra dell’olio d’oliva.

Lavorate di nuovo l’impasto fino al completo assorbimento dell’olio.
Scacce

A questo punto, stendete l’impasto fino ad ottenere una sfoglia rotonda e sottile.

Se questa operazione risultasse particolarmente difficile potrete aiutarvi con un po’ di farina.
Versate sulla sfoglia il condimento e distribuitelo uniformemente lasciando un margine di un cm circa dal bordo. Irrorate il tutto con altro olio extravergine d’oliva.
Scacce

La scaccia si chiude avvolgendo da due parti la sfoglia condita, la larghezza della scaccia deve essere di 7-8 cm circa, giunti al centro della sfoglia le due parti si chiuderanno a libro.
Chiudete la pasta dai due lati aperti realizzando un bordino.
Scacce

Cospargete la superficie della scaccia di olio d’oliva o spennellatela con dell’uovo sbattuto.

Trasferite la scaccia su di una teglia leggermente unta ed infornate a temperatura elevata fino a che la pasta risulterà ben dorata.
Note

Le “scacce” italianiazzate focacce sono un piatto tipico degli iblei. Sono spianate di pasta con dentro base di pomodoro o ricotta, con prezzemolo o cipolla o formaggio, arrotolate e chiuse con un ricamo di pasta detto “riefico”, cucinate in forno. Assumono valenza di piatti delle feste le “impanate” con ripieno che varia secondo tradizione. Sono spianate di pasta a forma di mezzaluna o circolari, ripiena di broccoli e spinaci nel periodo natalizio, di baccalà alla vigilia di Natale, di agnello, alla sera del sabato santo. La focaccia più antica è la faccia ri veccia (faccia di vecchia), preparata con pasta di pane lievitata, olio extravergine di oliva degli altopiani iblei, origano, sale e cotta in forno caldo. Fino ad oggi è possibile degustare le focacce cotte nei tradizionali forni di pietra, in metà forno, perchè l’altra metà ci sono i carboni ardenti che mantengono alta la temperatura. La faccia ri vecchia è la versione povera della moderna pizza. La scaccia, focaccia, viene lavorata con un apposito mattarello u lasagnaturi; si tira una sfoglia rotonda, larga e sottile di pasta di pane ben lievitata, che viene condita e ripiegata a più riprese fino a prendere la forma di una borsa a busta. Il condimento varia secondo gli ingredienti stagionali: la base è il pomodoro condito con basilico fresdco e il caciocavallo, con una spruzzata di olio d’oliva, sale e pepe, le varianti sono la melanzana, la cipolla, la ricotta, le patate, il prezzemolo.

Print Friendly, PDF & Email
Share
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers: